A chi ci ispiriamo

Chi è Patch Adams

Medico di base,clown performer, attivista sociale, Fondatore del Gesundheit institute, una comunità medica olistica che fin dal 1971 ha offerto  cure gratuite a migliaia di persone. Autore del libro Salute e House Calls.
Ha tentuto conferenze in ben 65 Nazioni.


patchadams
Patch Adams. Un artista e “sciamano”, la sua ‘idea rivoluzionaria’ è quella di una nuova medicina basata sulla felicità, sull’abbracciarsi, sul “fare il pagliaccio”.
Nel 1997 si “accende” un grande evento mediatico. La “Universal Studios” compra i diritti del libro “Salute!”, scritto da Patch, e la sua vita diventa un film di successo interpretato dall’attore Robin Williams. Patch diventa famoso e un’onda enorme di simpatia per quest’idea del curare si diffonde in tutto il mondo. Nascono così centinaia di  “scuole” e di gruppi di clown di corsia.
Patch ci spiega: ” Abbiamo tolto i clown dal circo. Li abbiamo portati negli ospedali. E oggi siamo in guerra!…Sapevo che fare il clown avrebbe promosso la pace…ci sono molti strumenti di diplomazia e spero che tutti trovino quelli a loro più adatti. Se ognuno di noi usasse questi strumenti per portare la pace agli amici ed ai vicini, avremmo un effetto benefico su tutto il mondo. (Vedi www.patchadams.org)

John Glick

john

John Glick

è un medico, agopuntore e umorista. Ha praticato la medicina di famiglia in campagna a Shenandoah Valley per 10 anni prima di aprire la prima clinica di agopuntura nella Virginia occidentale, nel 1991. Fa parte del Gesundheit! Istitute.
John ha viaggiato negli Stati Uniti e in 40 paesi in tutto il mondo come un “pagliaccio umanitario”  visitando carceri, ospedali, case di cura, orfanotrofi e nei campi profughi. Egli è il padre di Terra, responsabile delle missioni umanitarie degli ambasciatori del sorriso, e padre di Mateo che ad un anno di età è già un clown naturale ..E’ sposato con Nanny una ragazza clown/ballerina e insegnante peruviana.
John è il  co-direttore del progetto  Belen e il primo sostenitore e amico di ‘Hagamos sonreir al mundo’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *